Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

Coordinate IBAN

Cosa c'è da sapere sul codice IBAN

Obiettivo primario del "progetto IBAN" è trattare tutti i pagamenti, sia italiani che internazionali, in modo uniforme in modo da standardizzare i processi di sicurezza e convenienza.

Pertanto il codice IBAN (International Bank Account Number) ora è l'unico valido identificativo del conto corrente da utilizzare nell'esecuzione dei pagamenti nazionali, come già accade da alcuni anni per il trattamento automatico dei pagamenti internazionali, onde ridurre tempi e costi di esecuzione delle operazioni sopra menzionate.

In particolare a partire dal 1° Gennaio 2008:

  • l' IBAN è stato adottato come unico standard per l'identificazione del conto corrente da utilizzare nell'esecuzione dei pagamenti nazionali;

  • le vecchie coordinate bancarie nazionali (BBAN) non risultano più utilizzabili a tal scopo ed il relativo standard (CIN + ABI + CAB + n. conto corrente) resterà valido unicamente per la determinazione del segmento BBAN (acronimo per Basic Bank Account Number) incorporato nel codice IBAN;

  • solo i pagamenti recanti un IBAN formalmente valido saranno considerati eseguibili nel circuito interbancario, senza oneri aggiuntivi, fatte salve eventuali eccezioni che potranno essere previste dalle regole interbancarie per specifiche esigenze del servizio. 

Il sistema bancario ha adottato un sistema per consentire a chi effettua spesso bonifici di aggiornare in tempi brevi i propri archivi beneficiari. Ciò è possibile grazie ad una procedura telematica di allineamento elettronico archivi. In pratica l'ordinante dei bonifici, tramite home banking o recandosi allo sportello bancario, può richiedere la codifica IBAN della persona cui inviare il bonifico (qualora quest'ultimo soggetto abbia dato la propria autorizzazione).


Per saperne di più